etica_02

5 Luglio 2021by uDrive4Me

Così, mentre gli ingegneri di oggi potrebbero sviluppare una specifica sintonia NVH per diversi mercati, potrebbero anche modificare gli algoritmi che decidono se il pedone vecchio o giovane, grasso o magro, subisce il colpo. Dati i progressi della tecnologia dei sensori in auto, anche i passeggeri del veicolo non sono immuni da tali decisioni, poiché il veicolo potrebbe decidere che sei quello che ha meno da contribuire alla società.

Euro NCAP aggiunge l’autonomia alla sua tabella di marcia della sicurezza

Euro NCAP afferma che circa il 90% degli incidenti stradali sono attribuibili a un errore del conducente. Le auto autonome sono destinate ad avere forse l’impatto più significativo su queste statistiche di sicurezza. Il suo documento Roadmap, pubblicato nel 2017, stabilisce come la tecnologia di guida autonoma sarà inclusa nella valutazione in futuro.

Tuttavia, ci vorrà del tempo, con l’organizzazione che conferma che i test autonomi saranno tenuti fuori dalle valutazioni a stelle. Invece è probabile che venga introdotto un sistema di gradazione, basato sui casi d’uso di parcheggio, guida in città, guida interurbana, ingorghi e guida in autostrada.

Questo potrebbe significare che in futuro gli acquirenti potrebbero scegliere un’auto con una tecnologia che favorisce la protezione dei suoi occupanti, piuttosto che dei pedoni? Probabilmente, questa è già una direzione verso cui gli acquirenti si sono mossi, consapevolmente o meno. Scelgo un grande SUV dall’aspetto robusto per proteggere la mia famiglia o un’utilitaria più piccola ed economica? Con 861.331 unità, l’auto più venduta di VW nel 2018 è stata la Tiguan, non la Golf (805.752) con cui condivide un gran numero di componenti comuni. La moda è una cosa, ma la percezione della sicurezza è un contributo significativo alla decisione di acquisto.

È interessante notare che, mentre non si parla di etica nel documento, Euro NCAP dice che per la prima volta includerà “informazioni dagli studi degli utenti nel processo di valutazione”. L’input aiuterà certamente a garantire che le caratteristiche autonome dei veicoli siano comprese, anche se non è chiaro se questo si estenderà alla sua programmazione etica in una decisione di vita contro vita.

 

È facile semplificare eccessivamente il dibattito sull’etica dell’auto a guida autonoma con un semplice “programma l’auto per seguire le regole stabilite della strada”. L’argomento è che, facendo questo, si rimuove il peso della responsabilità per qualsiasi decisione etica per gli ingegneri che hanno codificato il suo comportamento. Inoltre, è possibile credere che la rapida diffusione di tecnologie come il car-to-x come parte del pacchetto di guida autonoma dovrebbe garantire che veicoli e pedoni entrino in contatto sempre meno spesso.

Allo stesso modo, la questione dell’etica è spesso discussa solo come una questione di vita o di morte. Se un’auto è in grado di decidere che la sua migliore linea d’azione sta causando a qualcuno lesioni potenzialmente in grado di cambiare la vita, questo è significativo. C’è anche da considerare il trauma psicologico causato dalla decisione dell’auto, sia per i passeggeri che per i pedoni, e se questo è amplificato dal fatto che una macchina ha scelto come mitigare gli impatti – letterali, fisici e mentali – piuttosto che un umano.

Concludendo l’enigma etico

Quando si guardano i potenziali benefici per la sicurezza che i veicoli a guida autonoma potrebbero portare, è facile chiedersi se dovremmo essere così coinvolti nelle decisioni etiche. Quando si tratta di scegliere tra salvare un piccolo numero di vite, quando i veicoli autonomi hanno il potenziale di ridurre il numero di persone ferite sulle strade di un numero enormemente maggiore, sicuramente è semplicemente un prezzo che vale la pena pagare?

La risposta all’incidente mortale in Florida che ha coinvolto una Volvo autonoma di livello 3 equipaggiata con i sensori di guida autonoma di Uber mostra come questa opinione possa essere di fatto corretta, ma difficile da giustificare ad un consumatore finale. Se i clienti non hanno fiducia nelle decisioni che l’intelligenza artificiale prende per loro conto, la rivoluzione dei veicoli a guida autonoma può raggiungere solo una parte del suo pieno potenziale.

Un’ulteriore questione etica è che se il potenziale viene raggiunto, dovrà essere applicato anche nell’altro senso – se le auto a guida autonoma sono molto più sicure, allora la scelta eticamente corretta di vietare i guidatori umani è sicuramente una scelta che dovrà essere fatta ad un certo punto?

Il ruolo e la responsabilità delle questioni etiche che circondano l’autonomia possono essere ancora molto in via di sviluppo, e poche soluzioni sono state rese pubbliche. La Germania è finora l’unico paese a pubblicare linee guida sull’etica nello sviluppo delle auto a guida autonoma. Ma qualunque cosa accada, le decisioni prese nella programmazione delle auto autonome di oggi diventeranno le nuove regole della strada. Queste regole hanno il potenziale di fornire il più significativo cambiamento sociale catalizzato dalle auto a guida autonoma. Specialmente quando si tratta di questioni di vita o di morte.

uDrive4Me

PIARC ITALIAHeadquarters
Organically grow the holistic world view of disruptive innovation via empowerment.
OUR LOCATIONSWhere to find us
https://www.udrive4me.eu/wp-content/uploads/2019/04/img-footer-map.png
GET IN TOUCHSocial links
Taking seamless key performance indicators offline to maximise the long tail.
AVANTAGEHeadquarters
Organically grow the holistic world view of disruptive innovation via empowerment.
OUR LOCATIONSWhere to find us
https://www.udrive4me.eu/wp-content/uploads/2019/04/img-footer-map.png
GET IN TOUCHSocial links
Taking seamless key performance indicators offline to maximise the long tail.

Copyright by PIARC ITALIA. All rights reserved. Credits

Powered by E-text

Copyright by PIARC ITALIA. All rights reserved. Credits

Powered by E-text